Avviene nello spazio delle meraviglie, dove tutto è possibile perché lì si gode di una luce improvvisa che sa dare corpo alle trasparenze... un lampo di luce che precede il segno del tuono. Ma poi arriva il tuono con tutto il suo reboante fragore e lascia il suo dono. È perfetto e lo si deve raccogliere intatto nella sua sintassi, in una successione ordinata di perle su di un filo di seta: «frutto divino a umiltà terrena accade che la poesia sia».

lunedì 1 giugno 2020

domenica 31 maggio 2020

sabato 30 maggio 2020

venerdì 29 maggio 2020

giovedì 28 maggio 2020


«Agli occhi degli increduli e al plauso dei nostalgici... con il guanto di velluto a toppe di legno, chiodi e colla vinilica, i restauratori rispolverano lo scranno del dittatore».

mercoledì 27 maggio 2020

martedì 26 maggio 2020


«Nebbia alle tenebre! L’occhio in rete si eclissa dietro all’invisibilità della palpebra».